Iscol@, SUAPE, SANITÀ, LavoRAS, REIS: Sardegna il nostro bene comune - La Testata

Iscol@, SUAPE, SANITÀ, LavoRAS, REIS: Sardegna il nostro bene comune

Condividi l'articolo con i tuoi fan

Venerdì 14 dicembre 2018 ha preso il via il Piano di comunicazione istituzionale 2018/2019 definito dalla Direzione generale della Presidenza. L’obiettivo del progetto è quello di conciliare i servizi offerti dalla Regione Sardegna con le necessità dei cittadini, specialmente per quanto riguarda l’istruzione, la sanità, la semplificazione amministrativa, il lavoro e l’inclusione sociale.

Questi temi sono stati ripresi nei seguenti programmi:

Iscol@: programma strategico regionale che ha l’obiettivo di rafforzare il sistema scolastico.

Il Piano prevede interventi finalizzati al miglioramento delle competenze degli studenti, alla riduzione del tasso di rinuncia agli studi, alla sperimentazione e innovazione didattica, con l’applicazione di nuove risorse tecnologiche, per gli anni scolastici compresi nel triennio 2018-2021. È prevista inoltre l’introduzione di nuovi docenti che supportino gli alunni nel recupero delle lacune e nel miglioramento dei risultati scolastici, con una particolare attenzione verso gli studenti provenienti da contesti sociali difficili o affetti da disabilità. Sono destinatari dell’intervento gli studenti delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo grado e di secondo grado.

A quattro anni di distanza dal primo piano operativo, promosso dalla Giunta Pigliaru, è possibile fare una stima degli interventi realizzati nel programma, per un totale di circa 297 milioni di euro.
Ad oggi sono stati avviati 24 concorsi di progettazione per uno stanziamento di oltre 84 milioni e con un finanziamento di oltre 170 milioni di euro sono stati avviati circa 1300 interventi di manutenzione e arredo.

La possibilità di presentare proposte progettuali e manifestazioni d’interesse è scaduta il 27 luglio 2018. Per maggiori informazioni consultare il sito: http://www.iscola.it/

SUAPE: Lo Sportello Unico per le Attività produttive e per l’edilizia (SUAPE) è stato creato per gli imprenditori che intendono avviare o sviluppare un’attività e per i cittadini che devono realizzare un intervento edilizio.
Lo Sportello ha l’obiettivo di favorire la crescita dell’imprenditoria e dell’edilizia nazionale e renderla concorrenziale a livello europeo. Le mansioni dei SUAPE sono svolte dai Comuni o dalle Unioni di Comuni del territorio che istruiscono le pratiche e rilasciano, eventualmente, le autorizzazioni.

Il nuovo Portale permette di semplificare e concludere le pratiche in poco tempo, dando all’utente la possibilità di inviare le documentazioni e avere informazioni sulla tipologia dei procedimenti amministrativi autorizzativi, sui tempi di emissione degli atti e sugli adempimenti necessari.

Il cittadino presenta la propria pratica al SUAPE compilando la DUA (Dichiarazione Unica Abilitativa) e trasmettendola attraverso la sezione “Invia la tua pratica” del portale. Terminata la procedura, il cittadino otterrà una ricevuta automatica, che attesta la presa in carico della pratica da parte del sistema; la ricevuta automatica insieme alla DUA ed ai suoi allegati, permettono di avviare l’attività o realizzare l’intervento. I costi professionali dell’espletamento di una pratica SUAPE variano in funzione della tipologia di attività e dimensioni dell’immobile.

Per maggiori informazioni consultare il portale: http://www.sardegnaimpresa.eu/it/sportello-unico

SANITÀ: Il sistema sanitario regionale si avvia verso la specializzazione. In quest’ottica la rete ospedaliera ha la possibilità di accogliere ogni tipo di paziente e fornire un’assistenza specializzata a seconda delle esigenze dell’individuo.

Il Portale dei Servizi della Regione Sardegna offre ai cittadini la possibilità di accedere a servizi quali la scelta del medico online, la consultazione in via digitale del proprio fascicolo sanitario e la prenotazione di appuntamenti. Per maggiori informazioni sui servizi offerti visitare il portale: https://www.tesseraservizisardegna.it/

LavoRAS: programma integrato per favorire l’inserimento lavorativo dei giovani e dei disoccupati della Sardegna. Il Piano per il lavoro della Regione presenta importanti novità: l’aumento notevole dell’importo dei bonus occupazionali, la semplificazione delle procedure di accesso alle imprese, l’abolizione dei vincoli preesistenti per le medie e grandi aziende e la possibilità di ricorrere alla finanza inclusiva. Gli incentivi occupazionali di LavoRAS sono stati resi più accessibili semplificando le procedure di accesso e sono validi per le assunzioni effettuate nel periodo che va dall’1 maggio 2018 al 30 giugno 2019, a tempo indeterminato o a tempo determinato per almeno 12 mesi, e sono rivolti ai cittadini di tutte le fasce d’età, dagli under 35 agli over 55.

Il Piano prevede un finanziamento di 127,6 milioni di euro per il 2018 e 70,1 milioni per il 2019 e altrettanti per il 2020. LavoRAS prevede di ridurre il tasso di disoccupazione dell’1% circa e di contribuire all’assunzione di oltre undicimila persone.

Per maggiori informazioni visitare il sito: https://lavoras.regione.sardegna.it/

REIS:ilReddito di inclusione sociale (REIS) è stato istituito dalla Regione Sardegna per contrastare la povertà e l’esclusione sociale. La Regione ha rilasciato un finanziamento di circa 45 milioni di euro per le famiglie sarde, a condizione che il sussidio economico sia accompagnato da un progetto di inclusione sociale finalizzato al superamento della condizione di povertà e al raggiungimento della stabilità economica. Sono destinatari del Reddito i nuclei familiari di cui almeno un componente sia residente da un periodo di ventiquattro mesi nel territorio regionale; inoltre, il richiedente non deve essere beneficiario di ulteriori vantaggi economici superiori a 800 euro mensili.

La quota erogata dal REIS varia da un minimo di 200 euro ai 540 euro mensili, a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare.

Al REIS, la Regione affiancherà un catalogo di progetti di inclusione, presentato dalle organizzazioni impegnate nel contrasto della povertà, chiamato “Carpe Diem”, che ha ottenuto un finanziamento pari a 16,5 milioni di euro provenienti dal Fondo sociale europeo.

Il bando REIS è scaduto il 7 settembre 2018.

Per informazioni sul progetto di inclusione visita il sito:

http://www.sardegnapartecipa.it/it/content/progetto-carpediem

Il Piano di comunicazione è stato diffuso sui principali canali social attraverso degli spot video dedicati a ciascun tema del programma.

SITO UFFICIALE: https://www.ilnostrobenecomune.it/

CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCSqQ3aEI14KF3z1oVzduRzw/

PAGINA FACEBOOK: https://www.facebook.com/sardegnailnostrobenecomune

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *