TUTTI IN PIAZZA CON GRETA CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI ANCHE IN SARDEGNA - La Testata

TUTTI IN PIAZZA CON GRETA CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI ANCHE IN SARDEGNA

Tutti in piazza con Greta contro i cambiamenti climatici anche in Sardegna
Nella foto ANSA/EPA, Greta Thunberg in una manifestazione
Condividi l'articolo con i tuoi fan

Venerdì 15 marzo a Cagliari in piazza Garibaldi il “Fridays for future”.

La manifestazione internazionale approda anche nell’Isola perché nessun territorio è esente dai cambiamenti climatici.

Il Global climate strike for future – lo sciopero sul clima mondiale per il futuro – arriva anche in Sardegna. A Cagliari in piazza Garibaldi si daranno appuntamento venerdì 15 marzo dalle 9.00 alle 13.30 molte associazioni a sostenere la sfida lanciata dalla sedicenne svedese Greta Thunberg. Alla mobilitazione internazionale per il clima lanciata dalla protesta della giovane studentessa svedese parteciperanno gli studenti delle scuole del capoluogo. Alla manifestazione hanno aderito Unica 2.0, Eureka, Recosol, Legambiente, Isawo, Greenpeace, Esn, Unica Lgbt, Memoratu, circolo Sergio Atzeni, associazione Pasolini, Campo progressista, Aegee, Comitato Arci sud Sardegna, Theandric teatro non violento. Il movimento Fridays for future, animerà le piazze di tutto il mondo: in Italia il clou sarà a Roma. La scintilla è partita dalla Svezia con la protesta di Greta, la ragazzina che ogni venerdì, dallo scorso agosto, manifesta davanti al Parlamento svedese con in mano un cartello con la scritta “Sciopero scolastico per il clima”.

Il corteo si muoverà da Piazza Garibaldi verso piazza Sonnino, via Logudoro, via Cimitero, viale Bonaria, via Amendola, via Roma. Il sit-in conclusivo si terrà nella zona pedonale del porto, nel lungomare New York 11 settembre, vicino alla grande fontana.

Saranno vietate bandiere e loghi di partito mentre saranno ammesse i vessilli e i banner delle associazioni che aderiscono all’iniziativa.

Non sappiamo quindi se aderiranno il sindaco dimissionario Massimo Zedda ormai capo dell’opposizione in Consiglio regionale, Cristian Solinas neogovernatore della Sardegna o Francesco Desogus sfidante cinquestelle che, per effetto di una legge elettorale regionale, neanche entra il Consiglio. Sarà presente invece Angelo Cremone di Sardegna Pulita <a Cagliari il 15 e il 23 a Roma, in prima fila, senza governi amici, senza sconti per nessuno, a tutela della salute, dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile, da anni continua il nostro impegno per la Sardegna>.

Di sicuro, il centrodestra non ha mai dimostrato un particolare affetto nei confronti dei temi ambientali. Il centrosinistra ha spesso posizioni ondivaghe. I cinquestelle, nati con una forte componente ambientalista, hanno da farsi perdonare scelte scellerate che gridano vendetta come sull’Ilva di Taranto.

Ci sarebbe bisogno di molti più ambientalisti e Verdi a Cagliari, in Sardegna, in Italia. In Europa ce ne sono già tanti e Greta non è sola. Venerdì ci sembrerà di essere a pieno titolo una città europea!

A parte Donald Trump (e la destra in genere) che nega i cambiamenti climatici, tutti ci siamo accorti dell’aumento della temperatura, della violenza degli uragani anche in zone che ne erano prive e dell’aumento del livello del mare (dovuto allo scioglimento del ghiaccio). Esistono popolazioni nel mondo che stanno migrando per ragioni climatiche (che diventano economiche soprattutto con la desertificazione avanzante).

Ma presto anche la Sardegna potrebbe risentire dei cambiamenti climatici e non solo per desertificazione o improvvisi nubifragi. Le coste del Sud e Ovest della Sardegna finiranno in ammollo (un po’ come il fenomeno dell’acqua alta in piazza San Marco a Venezia).

Sarebbe il caso di affidarci a politici, scienziati e studiosi più attenti all’ambiente, come Angelo Bonelli, Donatella Bianchi, Sveva Sagramola, Mario Tozzi, Luca Mercalli, Licia Colò, Sigfrido Ranucci, Riccardo Iacona e Milena Gabanelli… in quel caso il pianeta sarebbe sicuramente salvo… anche perché non abbiamo un pianeta di riserva…

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *