CERIMONIA DEL PREMIO FRANCESCO LANDOLFO

UNDICESIMA EDIZIONE DEL PREMIO DI GIORNALISMO FRANCESCO LANDOLFO

Venerdì 18 novembre, all’Istituto di cultura meridionale a Napoli, si è tenuta la cerimonia di consegna del Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”. L’undicesima edizione del concorso ha mirato a ricordare ed elogiare la professionalità del segretario dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Francesco Landolfo, già vicedirettore del quotidiano “Roma” e fondatore e presidente dell’Arga Campania (associazione regionale giornalisti ambiente e agroalimentare), deceduto nel 2006 a Napoli all’età di 63 anni in seguito a un malore improvviso. 

Ospiti dell’evento sono stati: il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti Carlo Bartoli, il presidente nazionale UnArga Roberto Zalambani, il direttore del giornale “Roma” Antonio Sasso, il direttore de “Il Mattino” Francesco de Core, il presidente dell’Ordine regionale dei giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli, il segretario del Sindacato Unitario Giornalisti Campania Claudio Silvestri, la presidente dell’Arga Campania Geppina Landolfo, il vicepresidente dell’Ordine nazionale Angelo Baiguini, e il segretario del Comitato Tecnico Scientifico Maurizio Paglialunga. La giuria del Premio si è costituita intorno alle figure de: i direttori di “Roma” Antonio Sasso e Pasquale Clemente, Ottavio Lucarelli, Claudio Silvestri, Geppina Landolfo, la consigliera nazionale UnArga Antonella Monaco, e Gennaro Famiglietti, presidente dell’Istituto di Cultura Meridionale.

I temi e i valori del Premio? La passione, la sensibilità, la costanza e l’attenzione verso il territorio. Di conseguenza, i giudici hanno premiato: per la carta stampata,Così il futuro scorre tra due fiumi” di Mariateresa Conte (La Città) e “Per chi brucia la Campania” di Raffaele Sardo (Venerdì di Repubblica). Per la Radio-televisione, “Cozze e uccelli sul Lago Fusaro” di Maria Luisa Cocozza (L’Arca di Noè, Tg5) ed “Eccellenze gastronomiche a km 0 per valorizzare le aree interne della Campania” di Nello Di Costanzo (Buongiorno Regione, Tgr Rai Campania). Per il Web, “L’insalata di rinforzo e la papaccella a rischio estinzione” di Antonella Laudisi (Il Mattino.it) e “Colata di fango a ogni pioggia, la paura dei residenti di via Campagna a Fuorigrotta” di Antonio Sabbatino (InterNapoli.it). Menzioni speciali sono andate a: “Storie di ricerca: dalla pizza alla chirurgia, la robotica è eccellenza napoletana” di Enrico Parolisi (Fmag.it); “Schiaffo alla mobilità, la pista ciclabile green rischia di non nascere” di Andrea Ripa (Metropolis); “Spazzatura spaziale, Napoli nel piano internazionale” di Mattia Ronsisvalle (Roma). 

Durante la cerimonia è stata anche assegnata una targa in ricordo di Gianpaolo Necco, consigliere nazionale Fnsi e UnArga, a cui si deve il rilancio delle attività dell’Arga Campania. La targa è stata consegnata a Luana Spernanzoni, per l’articolo “Cosa insegna la terribile alluvione delle Marche” sul blog OmnisMagazine.it. Inoltre, un riconoscimento speciale è andato a Gennaro Famiglietti, avvocato cassazionista, presidente e fondatore dell’Istituto di Cultura Meridionale, impegnato da venticinque anni nella diffusione dei valori della cultura, del giornalismo, dell’arte, dell’economia, della diplomazia internazionale.

Il premio è stato indetto dal quotidiano “Roma”, dal Sindacato Unitario Giornalisti della Campania, dall’Ordine dei Giornalisti della Campania e dall’Arga Campania con il patrocinio morale dell’Ordine nazionale dei Giornalisti e della Fnsi.

Autore

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses User Verification plugin to reduce spam. See how your comment data is processed.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.