Ambra Pintore

A Cagliari riparte il lungo viaggio di Rimas, sonus e cantzonis

A Cagliari il 25 ottobre, riparte il lungo viaggio di Rimas, sonus e cantzonis, progetto varato lo scorso anno, che intende dare nuova voce alla musica e alle radici della storia linguistica isolana in un continuo dialogo tra presente, passato e futuro. Un progetto promosso e voluto dall’associazione S’ardmusic, con la regia artistica della cantante, attrice, conduttrice Ambra Pintore.

Tra le novità di questa edizione anche il coinvolgimento di S’ard Festival col suo ricchissimo cartellone di novità, anteprime, incontri e musiche del mondo. Una formula all’insegna della musica popolare e della world music, ancora più ricca in questa edizione grazie all’originale chiave concettuale che vede interagire le due rassegne e che prevede un cartellone di eventi, tutti a entrata libera, con concerti, nuove produzioni, canti a tenore, canti a chitarra, poesia improvvisata, laboratori, incontri letterari, masterclass.

“Una rassegna che permette la divulgazione, la conoscenza e la spettacolarizzazione della tradizione e delle espressioni più profonde dell’identità sarda in uno dei più prestigiosi teatri italiani” commenta il direttore artistico di S’ardmusic Michele Palmas, forte del successo delle trascorse edizioni.

Promosso dall’associazione Culturale S’ardmusic, con il contributo dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione della Regione Sardegna e della Fondazione di Sardegna, “Rimas, la tradizione a teatro”, andrà in scena al Teatro Massimo di Cagliari nelle giornate di venerdì 27 ottobre, mercoledì 1 novembre e domenica 5 novembre

Filo conduttore della tre giorni è la forza identitaria delle produzioni e la composizione poetica della musica popolare: “Accenderemo i riflettori sulle modalità del processo creativo sia nella scrittura in versi che nella partitura musicale” spiega Ambra Pintore, raffinata interprete e portavoce della cultura popolare. Una riflessione che emergerà in particolare nella pratica dei laboratori e nel concerto del primo novembre dal titolo “Arveschida de rimas e sonos” che mette a confronto diverse generazioni e intende esplorare l’origine della composizione e i motivi che spingono un artista a percorrere i sentieri della musica popolare per poi magari tralasciarli alla ricerca di nuove strade melodiche.

Laboratori
Prosegue e si approfondisce il coinvolgimento del pubblico alle pratiche laboratoriali: “Tutti possiamo essere non solo fruitori della tradizione ma protagonisti della nostra cultura” sottolinea Ambra Pintore che venerdì 27 ottobre, insieme al poliedrico chitarrista Federico Valenti e al polistrumentista Diego Milia, incontrerà gli studenti universitari del corso di Scienze Multimediali di Cagliari, in una lezione dal titolo “Comunicare la cultura tradizionale tra musica e media”.

Infine, il 5 novembre, lo sguardo si volge anche ai più piccoli grazie al laboratorio di costruzione di strumenti musicali dedicato a bambine/i, tenuto dal maestro Raimondo Usai, da decenni impegnato nel recupero e nella riproposizione di una vasta gamma di strumenti, è un vero esperto nella realizzazione di casse armoniche a mano composte da resti di zucche e vesciche di animali, oggetti stupefacenti in grado di produrre suoni straordinari. Il laboratorio sarà l’occasione per conoscere i diversi materiali impiegati, scoprire il metodo usato nella costruzione e sperimentare alcune tecniche per riuscire a suonare uno strumento tradizionale sardo.

Incontri
Novità di questa edizione sono gli incontri letterari e musicali con la presentazione di tre libri legati alla produzione poetica di Fonni: si parte il 27 ottobre con Chentu Poetas – Fonne tres seculos de istoria di Andria Nonne, incentrato sul tema della composizione musicale dei primi del Novecento (interventi di Anna Cristina Serra e Pier Sandro Pillonca); si prosegue il 1 novembre con La Cantadora il romanzo di Vanni Lai dedicato a Candida Mara, la prima donna del canto a chitarra (a dialogare con l’autore sarà Ottavio Nieddu cui si aggiungono gli interventi delle cantadore Noemi e Gianfranca Mulas accompagnate da Nino Manca alla chitarra), e si termina il 5 novembre con Canti di Sardegna. L’anima del popolo sardo di Giulio Fara.  In occasione dei 100 anni dalla pubblicazione del volume, per i tipi di Casa Ricordi, l’editore Carlo Delfino propone una elegante ristampa dell’opera a cura della docente Myriam Quaquero e dell’etnomusicologo Marco Lutzu (assieme ai curatori, interverranno anche il pianista Riccardo Leone e il tenore Giansilvio Pinna).

Masterclass
È dedicata alla composizione del canto polifonico la masterclass diretta dal maestro Alessandro Catte. La coralità di ispirazione popolare in Sardegna, vanta numerose formazioni che si cimentano in questo repertorio di espressione identitaria. L’incontro, tenuto dal compositore nuorese Alessandro Catte, forte di una grande esperienza nel settore, è rivolto a cantanti, coristi/e, direttori e direttrici di coro, e a chiunque voglia conoscere e sperimentare i passaggi e le tecniche usate per comporre oggi nuovi canti. 

Produzioni
L’anima S’ard si esprime al meglio nella vetrina delle produzioni in scena sul palcoscenico del Massimo. Venerdì 27, alle 20.30,tocca a un gruppo di interpreti tra i più originali della scuderia: il chitarrista Giacomo Deiana in trio con un concerto dal titolo “Leggero, leggerissimo, praticamente senza peso”, con Simone Soro al violino e Pierpaolo Liori alla fisarmonica. Tema che sottende alle musiche, il rapporto tra disabilità e lavoro: quali sono i tasti dell’anima che sfiorano il momento dell’inserimento lavorativo delle persone con disabilità e perché è così importante che la società e i suoi componenti soddisfino la naturale esigenza di sentirsi davvero utili. A seguire, Ilaria Porceddu ed Emanuele Contis con “A due”, concerto ricco di dualità, appunto, fatto di contrasti e prospettive opposte, di commistione e contaminazioni, di unione di stili e unità di intenti. Ilaria Porceddu è cantautrice di impatto e delicatezza che ha alle spalle tre dischi pubblicati e un quarto in lavorazione. A lei, artisticamente, si sposa Emanuele Contis, musicista, compositore e sound designer che intreccia il suo mondo a quello della compagna d’arte in un raffinato concerto di musiche intime e originali. 

Domenica 5 novembre, spazio all’attesa produzione originale dell’etichetta S’ard dal titolo “Arias” canti, cantos, cantileni e corde” con la chitarra di Roberto Taufic, e le voci di Cristina Renzetti, Daniela Spalletta e Francesca CorriasArias come aria, raffiche di melodie indispensabili come il respiro che si intrecciano al sardo, al siciliano, all’abruzzese e al brasiliano. Arias si nutre di musiche colte e popolari, mescola i ritmi e le voci di luoghi lontani, mostrandone i tratti distintivi e quelli comuni e universali. Un viaggio in musica attraverso i continenti, in grado di far planare idealmente lo spettatore e portarlo in ascolto di racconti fatti a più voci. E quando i suoni svaniscono nell’aria, rimane l’armonia.

IL PROGRAMMA

VENERDI’ 27 OTTOBRE

ORE 9.00 -10.30: LABORATORIO
“Comunicare la cultura tradizionale tra musica e media”Gli studenti della facoltà di Scienze della Produzione multimediale dell’Università di Cagliari incontranoAmbra Pintore, Federico Valenti e Diego Milia

ORE 19.00: INCONTRI LETTERARI
“Chentu poetas. Fonne, tres seculos de istoria” di Andria Nonne. Intervengono Anna Cristina Serra e Pier Sandro Pillonca

ORE 20.30: CONCERTO S’ARD MUSIC
“Leggero, leggerissimo, praticamente senza peso”, di Giacomo Deiana Trio con Simone Soro e Pierpaolo Liori

“A due” di Ilaria Porceddu e Emanuele Contis

MERCOLEDI’ 1 NOVEMBRE 

ORE 16.00/18.00: MASTERCLASS COMPOSIZIONE CANTO POLIFONICO
A cura del Maestro Alessandro Catte

ORE 19.00:

INCONTRI MUSICALI
Le Cantadore Noemi e Gianfranca Mulas accompagnate da Nino Manca alla chitarra

INCONTRI LETTERARI
“La cantadora” romanzo di Vanni Lai. Dialoga con l’autore Ottavio Nieddu

ORE 20.30: CONCERTO
Arveschida de rimas e sonos con Luigi Lai, i Cantori di via Majore diretti dal maestro Alessandro Catte, Coro di Bosa, Federico Marras Perantoni Trio, Bruno Camedda e Asael Camedda, Ambra Pintore duo.

DOMENICA 5 NOVEMBRE 

ORE 16.00/18.00

LABORATORIO
“La costruzione di strumenti musicali della tradizione” con Raimondo Usai

INCONTRI LETTERARI
Canti di Sardegna. L’anima del popolo sardo” di Giulio Fara a cura di Myriam Quaquero e Marco Lutzu

INCONTRI MUSICALI
Maestro Riccardo Leone e il tenore Giansilvio Pinna 

ORE 20.30: CONCERTO (PRODUZIONE ORIGINALE S’ARD)
Arias” canti, cantos, cantileni e corde”
di Roberto Taufic, Cristina Renzetti, Daniela Spalletta e Francesca Corrias

Per maggiori informazioni: https://sardmusic.it/

Autore

2023-10-28

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *