L’importanza della salute mentale dei bambini e degli adolescenti

In occasione dell’International Network between women and man, organizzato il 20 novembre dall’Associazione Oltre il pregiudizio (OilP APS), la relatrice Tiziana Mori, candidata alla carica di sindaca per Monserrato, ha tenuto un’interessante lezione in materia di salute mentale.

Dopo aver analizzato approfonditamente la normativa e la convenzione sui diritti del Fanciullo, la Dott.ssa Mori, ricercatrice specializzata in promozione e tutela dei diritti dell’infanzia, ha coinvolto attivamente i partecipanti mediante l’utilizzo di Mentimeter, uno strumento per sondaggi semistrutturati, che ha offerto spazio ai partecipanti per esprimere le proprie opinioni in merito alla salute mentale giovanile.

50 persone hanno ritenuto che le cause del disagio psicologico nei giovani siano dovute all’effetto diretto del virus; 20 persone, invece, le hanno riscontrate nella didattica a distanza; 10 nell’isolamento sociale e 5 in eventi geopolitici. Questo risultato, evidenzia la Mori, sottolinea l’impatto significativo della pandemia sulla salute mentale giovanile.

Inoltre, durante il sondaggio, sono emersi altri dati interessanti che per Tiziana Mori sono importanti per affrontare il fenomeno; per quanto riguarda le possibili azioni per migliorare la salute mentale tra i giovani, ben 50 persone hanno ritenuto fondamentale l’educazione emotiva; in 20 hanno risposto che bisogna mirare a un maggiore coinvolgimento degli adolescenti; 10 hanno posto attenzione alle informazioni rilasciate dalle istituzioni; 5 persone hanno considerato importante l’approccio all’ascolto e al dialogo.
Il voto ha enfatizzato l’importanza dell’educazione emotiva come la principale azione per migliorare la salute mentale giovanile, evidenziando la necessità di promuovere una maggiore consapevolezza e competenze emotive tra i giovani.

Questi risultati del sondaggio, sottolinea la Mori, confermano l’urgenza di fornire supporto e risorse specifiche per affrontare le sfide legate alla salute mentale giovanile, confermando la priorità di adottare strategie di intervento mirate. Per questo motivo, ha concluso l’evento sottolineando che il gruppo sta attivamente lavorando alla preparazione di un progetto specifico sull’educazione alle emozioni da implementare nelle scuole.
Questo impegno concreto verso l’educazione alle emozioni nelle scuole, per la Mori riflette la determinazione del gruppo nel tradurre le discussioni in azioni concrete per migliorare attivamente la salute mentale giovanile, dimostrando un impegno tangibile per creare un ambiente scolastico più favorevole e consapevole dei bisogni emotivi dei ragazzi.

Per recuperare il seminario: https://www.facebook.com/oltrepregiudizioaps

Autore

2023-11-26