“Licantropus”; il primo speciale televisivo dell’MCU

Il nuovo speciale televisivo sbarcato su Disney+ il 7 ottobre, ha fatto impazzire i fan Marvel

“Werewolf by Night”, meglio conosciuto in Italia come “Licantropus”, ha attirato l’attenzione dei fan della Marvel, ma non solo, in quanto primo speciale televisivo legato ai precedenti film del franchise. Uscito il 7 ottobre per la piattaforma digitale Disney+, rilasciato come speciale horror in vista di Halloween, riesce ad accendere la curiosità degli spettatori. Basato sull’omonimo personaggio della Marvel Comics, creato nel 1972 da Gerry Conway (testi) e Mike Ploog (disegni), introduce un nuovo personaggio all’interno del già molto vasto universo cinematografico.

A dare il volto al protagonista Jack Russell -proprio come la razza canina- l’attore, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico messicano Gael García Bernal. Accompagnato dalle eccellenti performance di Laura Donnelly e Harriet Sansom Harris. Alla regia l’esordio di Michael Giacchino, conosciuto nel mondo Marvel per aver composto le colonne sonore di “Doctor Strange”, della nuova trilogia su Spiderman e del più recente “Thor: Love and Thunder”. Della durata di soli 50 minuti, questo speciale vuole omaggiare i monster movie dei primi anni del ‘900. Discostandosi quasi totalmente dai precedenti prodotti della “Casa delle Idee”, ma non abbandonando del tutto l’action comedy che li contraddistingue.

Una formula narrativa a metà strada tra un episodio televisivo e un mediometraggio. Novità ed esperimento per l’introduzione di personaggi minori senza trasporli sul grande schermo o dedicarci un’intera serie televisiva. Novità sostanziale anche dal punto di vista della parte visuale. Quasi interamente in bianco e nero, sempre come omaggio ai vecchi horror movie degli anni ’30, con solo un unico colore ad emergere in alcune scene -in particolare durate le inquadrature della “Bloodstone”, antica reliquia dal ruolo centrale nella trama. La brevità dello speciale assicura un’attenzione particolare agli effetti visivi, come le citazioni ai vecchi film impressi su pellicola attraverso l’utilizzo delle tipiche bruciature e dei graffi.

Un passo indietro anche nella CGI dei costumi. È abitudine e normalità per gli appassionati dell’MCU, l’uso di ritocchi o addirittura ricostruzione dei costumi dei protagonisti. In “Licantropus”, invece, molti dei mostri presenti, incluso il licantropo, hanno un ritorno alle origini con l’utilizzo di costumi e protesi realmente indossate dagli attori.

Dopo tanti prodotti che non hanno convinto a pieno gli spettatori e gli appassionati, dividendo l’opinione e le critiche, “Werewolf by Night” spicca nella vastità del catalogo della piattaforma streaming. Una vera perla rara da non perdersi.

Qui la sinossi ufficiale: “In una notte buia e cupa, una cabala segreta di cacciatori di mostri emerge dalle ombre e si riunisce nel sinistro Tempio Bloodstone in seguito alla morte del loro leader. In uno strano e macabro memoriale dedicato alla vita del leader, i partecipanti sono spinti in una competizione misteriosa e mortale per una reliquia potente… una caccia che alla fine li porterà faccia a faccia con un mostro pericoloso.”

Autore

2022-10-22