I contenuti sono protetti. Per richiedere una coppia scrivi a redazione@latestata.it. Buona giornata! 

IL DISTRETTO CULTURALE DEL NUORESE FINANZIA IL PREMIO PER LE IMPRESE CULTURALI E CREATIVE

129

Nuoro 2 luglio 2019  Questa mattina nella cornice di Piazza S. Satta a Nuoro è stata presentata la Start Cup Sardegna dedicata alle imprese culturali e creative: tre premi per le migliori idee di impresa dedicate alle imprese culturali e creative della Sardegna per il Distretto Culturale del Nuorese ‘Atene della Sardegna’, progetto realizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro con il supporto della Fondazione di Sardegna. In palio 6.000 euro per la migliore idea di impresa e, a seguire, 3.000 e 1.000 euro.

E’ questa la novità della Start Cup 2019. Agostino Cicalò, presidente del Distretto Culturale del Nuorese, precisa che questa iniziativa rientra nel Piano di Rilancio del Nuorese della Regione Sardegna e vuole essere un ulteriore passo per sviluppare l’ambito progetto del distretto: valorizzare la cultura e il patrimonio culturale del nostro territorio sviluppando economia. D’altronde, ricorda il sindaco di Nuoro Andrea Soddu proprio piazza S. Satta è emblema del felice binomio tra cultura e innovazione: è qui che su indicazione del sindaco di allora l’illustre Costantino Nivola ha realizzato una delle più belle piazze del mondo, dove la materia diventa arte. La piazza racchiude l’identità della Sardegna, prende vita e diventa immortale. Possiamo avere un futuro se impariamo ad essere innovatori e a dare valore alla nostra cultura. L’Università degli Studi di Sassari che da anni si occupa di organizzare la Start Cup Sardegna è rappresentata oggi da Gabriele Mulas che ricorda l’importanza di fare in modo che la ricerca e le idee trovino concretezza. Negli anni abbiamo raccolto molti progettti, diversi hanno seguito un percorso e sono diventate imprese di successo anche in Sardegna. La collaborazione sviluppata con il Distretto Culturale del Nuorese Atene della Sardegna permette di valorizzare un settore importante come quello culturale. Proprio con l’impegno di essere presenti nel territorio, Andrea Saba del Banco di Sardegna, sottolinea il pregio dell’inziativa e che ancora una volta l’ente vuole supportare le imprese e coloro che intendono creare sviluppo intorno ad un’idea di impresa“.

A seguire i testimonial hanno presentato il proprio percorso di creazione di impresa mettendo in luce difficoltà e soprattutto gli ambiti di sviluppo per il territorio. Ad esempio, Luigi Cocco dello Studio di comunicazione Inoke ha ricordato quanto sia stato per loro importante accettare la sfida dell’innovazione:abbiamo dovuto studiare nuovi scanari e tecniche, soprattutto settori di applicazione della realtà virtuale e creare collaborazioni con altri enti e realtà del territorio. Oggi siamo tra le più importanti aziende che operano in questo settore“. A seguire, Mario Paffi ha ripercorso la storia del Museo delle Maschere Mediterranee mettendo in luce il lavoro di cocreazione di valore sviluppato negli anni, cercando sempre di coinvolgere la cittadinanza e le altre realtà produttive del paese che hanno portato Mamoiada a diventare un luogo da visitare e da scoprire. Il Museo delle Maschere cmpie oggi diciotto anni e abbiamo appena concluso la seconda edizione del Festival delle Maschere Mamumask che ha voluto portare al centro la cultura della maschera, è stato un wekk end di successo, un lavoro possibile grazie al supporto e finanziamento del Distretto Culturale del Nuorese e del Banco di Sardegna“. Infine, Paolo Costa del progetto Heart of Sardinia e delle recenti collaborazioni con Nuragica e con Mamumask ha sottolienato quanto a volte anche partecipare, ma non vincere la Start Cup sia una buona occasione: noi abbiamo presentato la nostra idea nel 2017, ma non siamo stati premiati. Ciò ci ha portato a perfezionare l’idea di impresa e a crescere come persone e come progetto. Per questo vorrei ricordare ai giovani e a tutti che nel fare impresa bisogna mettersi in gioco, dar vita alle proprie passioni giorno dopo giorno“. Infine, Franco Timpano dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza che da anni segue i lavori del Distretto Culturale del Nuorese spiega appunto che l’importanza della Start Cup è quella di stimolare idee, non necessariamente grandi idee. Ma progetti che possono aiutare il distretto a fare un passo in avanti per lo sviluppo del territorio. Suggerisco di sviluppare idee partendo proprio dai personaggi dell’Atene della Sardegna e da ciò che è stato già realizzato per creare qualcosa di nuovo e valorizzare l’imprenditorialità nel territorio e nel settore cultura. Il mio augurio è che questo sia un punto di partenza importante per il futuro.

All’evento hanno partecipato giornalisti, giovani innovatori, rappresentanti degli enti patrocinatori e degli Sponsor ed è stata l’occasione per fornire informazioni sulle modalità di partecipazione alla Start Cup e dare supporto e consulenza a coloro che intendono avvicinarsi al mondo dell’impresa

PER INFORMAZIONI:

Distretto Culturale del Nuorese Atene della Sardegna

www.distrettoculturaledelnuorese.it , comunicazione@distrettoculturaledelnuorese.it0784252640